Come vendere casa velocemente e bene: 5 regole d’oro

Devi vendere casa velocemente e bene? Ecco una guida pratica e rapida con alcune considerazioni, consigli utili e 5 trucchi da prendere in considerazione su come vendere casa velocemente e bene.

Ok il prezzo è giusto? Individuare il prezzo corretto di vendita ed evitare di giocare al ribasso

Innanzi tutto, occorre ricordare sempre che in una fase di mercato come questa, dove regna ancora l’incertezza sull’andamento dei prezzi del mercato immobiliare, è fondamentale centrare il prezzo di vendita. Traccheggiare nell’accettare una proposta di acquisto potrebbe, infatti, rivelarsi un grave errore. Solitamente, appena messa sul mercato, la casa da vendere – sia in pubblicità online che con un banalissimo cartello posizionato all’ingresso del condominio – si riceve il picco dei contatti per visitare l’immobile proprio nei primi giorni. Anche nel settore immobiliare, ad attrarre l’attenzione dei possibili acquirenti è la novità: è nei primi 15 giorni dal momento in cui la casa viene messa sul mercato che si capisce l’andamento del settore e il posizionamento dell’immobile. Una nuova casa attrae immediatamente l’interesse di chi sta cercando in quella zona specifica.

Ma cosa accade esattamente?
Spesso succede che gli utenti internet dei vari portali immobiliari ricevono un alert che riporta al nuovo annuncio, l’agenzia immobiliare incaricata (se presente da contratto in esclusiva) si attiva immediatamente alla ricerca di un possibile acquirente, attraverso la propria clientela presente in banca dati. Contemporaneamente le persone che frequentano la zona vedono fisicamente il cartello apposto.

Proprio in questi primi giorni si “rischia” di vendere l’immobile, per questo è fondamentale mettere da parte la classica frase “aspettiamo una nuova proposta al rialzo, tanto non ho fretta di vendere”. Naturalmente, si è liberi di farlo, ma occorre ricordare che nel frattempo i clienti diminuiscono e la casa perde appeal sul mercato, andando incontro proprio a coloro che rimangono alla finestra in attesa del calo – inesorabile e fisiologico – del prezzo di partenza.

Del resto, se l’immobile risulta fuori prezzo di mercato – e quindi  la casa è tra le più care del quartiere – i tempi di vendita si allungano e la casa si svaluta automaticamente. È proprio in questo momento che si inizia ad abbassare il prezzo: ma attenzione, perché non è giocando al ribasso che si riesce a vendere casa velocemente!

Devi vendere casa velocemente? Affidarsi ad uno specialista di zona ti evita di perdere tanto tempo

Per vendere casa velocemente e bene, è importante affidarsi ad uno specialista, un consulente immobiliare professionale e professionista, in grado di valutare al meglio l’immobile senza farsi condizionare dalla “autovalutazione” del proprietario. Chi deve vendere casa, infatti, è solito attribuire al proprio immobile anche un valore affettivo, che per i compratori ovviamente non esiste.

Affidarsi ad un consulente immobiliare significa mettersi nelle mani di un professionista che sa calcolare il prezzo giusto dal primo momento, proporre al meglio l’immobile in pubblicità con i termini giusti, le fotografie professionali, organizzare le visite all’immobile secondo i desiderata del proprietario. Ma è anche in grado di proporre e valorizzare al meglio tutte le caratteristiche dell’immobile, anche di quelli più difficili da vendere. Inoltre, il consulente immobiliare saprà leggere tutti i documenti della casa, comunicare quelli necessari ed essere equidistante in caso di trattativa, salvaguardando le parti in egual misura.

Rivolgendoti a un professionista consulente immobiliare – oppure a un geometra – potrai capire meglio il valore reale del tuo immobile. Ma c’è molto di più del prezzo reale di vendita! Il professionista  conosce il mercato immobiliare di riferimento in modo approfondito e lavora si aggiorna quotidianamente per guidare il cliente, sia esso venditore o acquirente, verificando soprattutto che l’immobile sia libero. Libero da cosa? Da pesi, da ipoteche, da qualsiasi tipo di gravame, da pignoramenti e da tutto quello che ne può compromettere il valore, o può incidere sulla proprietà.
 Ad esempio, sapevi che è rischioso, in alcuni casi, vendere o acquistare da soli un immobile ricevuto in donazione?
La donazione dell’immobile, infatti, merita un capitolo a parte perché è un argomento molto complesso e insidioso, pertanto lo affronteremo in modo dettagliato in un altro post specifico.

A differenza dall’agente immobiliare, il geometra, invece, si basa su tabelle catastali ed è in grado di lavorare con le misure dell’immobile al meglio. Una volta individuato il prezzo migliore di vendita, si potrà mettere sul mercato il proprio immobile e realizzare la vendita.

Un punto fondamentale da concordare e condividere con l’agente immobiliare, al momento di incaricarlo con il mandato, è l’annuncio di pubblicità online e offline, un tema importantissimo sui fare attenzione. La pubblicità è una materia di studio vera e propria e fare un annuncio sbagliato può comprometterne la vendita. Usare sempre parole giuste in campo immobiliare è fondamentale: occorre descrivere il proprio immobile in tutte le sue caratteristiche, dagli infissi ai pavimenti, dagli impianti elettrico e idrico alla posizione, dall’esposizione alla luminosità fino alle caratteristiche costruttive e alla presenza di box o cantine. Inserisci sempre una metratura di massima e indica sempre il prezzo dell’immobile.

Parliamo poi delle fotografie da allegare all’annuncio, materia di corsi e specializzazioni per gli agenti immobiliari professionisti. Per una buona fotografia è fondamentale la luce: mai usare il flash, ma accendere sempre tutte le luci dei vari ambienti, fare sempre foto in senso orizzontale e ad altezza di un bambino per prendere sia il pavimento che l’ambiente. Inoltre, non devi inclinare la fotocamera e posizionarla in parallelo al pavimento. È opportuno fotografare dagli angoli delle stanze per dare agli ambienti ampiezza e profondità.

Capitolo fondamentale, per quanto riguarda le foto dell’immobile da vendere è l’ambiente bagno, dove spesso si vedono tavolette WC alzate, accappatoi e altre immagini con riferimenti personali del proprietario: togli tutto e riordina il bagno per la foto e per le visite. Ricorda, inoltre, che sui portali immobiliari o generalisti è possibile inserire anche planimetrie catastali, video e 3D.

Per vendere casa velocemente è bene capire le reali intenzioni del potenziale acquirente e concordare  il tipo di proposta accettabile

Nel portare avanti una trattativa, è fondamentale accertarsi che – in caso di presenza della richiesta di un mutuo da parte del potenziale acquirente – l’immobile non venga tolto dal mercato per troppo tempo. Consigliamo, infatti, di non accettare proposte condizionate all’accettazione del mutuo, ma bensì inserire la clausola che la proposta è vincolata al mutuo ma sospensiva. Ciò vuol dire che si è liberi di proporre al mercato l’immobile, ma in caso di altra proposta si informerà preventivamente il primo proponente che sarà poi libero di accettare un adeguamento alla seconda proposta che verrà tenuta in sospeso. Consigliamo, inoltre, di mettere sempre un periodo temporale come vincolo, in genere 15/20 giorni.

Vendere casa velocemente: ricorrere all’home staging se la casa non è in buone condizioni

Se la tua casa non è in buone condizioni, se necessita di una ristrutturazione o – più semplicemente – ha un aspetto poco curato, talvolta è opportuno ricorrere ad un home stager, che – con il suo intervento a metà strada tra architetto, decoratore e arredatore di interni – sarà in grado di valorizzare tutti i pregi della casa e nascondere o rendere meno evidenti i suoi difetti.

L’homestaging – o home staging – è una tecnica di marketing di impronta americana, che consiste nel migliorare e valorizzare l’aspetto degli immobili. Come? Attraverso delle piccole modifiche all’arredamento, che servono a dare freschezza e a migliorarne l’immagine, in modo da avere così la possibilità di vendere casa più rapidamente e al miglior prezzo. Ricorrere alle tecniche di homestaging è estremamente utile per poter vendere la casa più rapidamente. È stato dimostrato, infatti, che un potenziale acquirente prende una prima decisione – se acquistare o meno la casa – nei primi 2 minuti della sua prima visita.

A volte, basta davvero poco per dare volto nuovo a una stanza, ad una porzione della casa o a tutta l’abitazione e in alcuni casi è possibile (ma non sempre, dipende dalle condizioni reali della casa da vendere) ricorrere anche al fai da te. Facciamo qualche esempio! In alcune situazioni, basta davvero dare un tocco di personalità e leggerezza alla casa: togliere le vecchie e pesanti tende per lasciare entrare la luce dalla finestra, ritinteggiare le pareti per conferire loro un’aria fresca e pulita, togliere qualche mobile o tappeto per dare l’idea di una casa più spaziosa possono essere piccoli trucchetti per valorizzare al meglio il tuo appartamento. In altri casi, però, questo non è sufficiente ed è opportuno ricorrere ad uno specialista del settore, in grado di mostrare i migliori pregi ai potenziali clienti.

Evitare di farsi vedere pressati dall’esigenza di vendere

Ok, hai intenzione di vendere in fetta, altrimenti non staresti leggendo una guida su come vendere casa velocemente e bene, tuttavia, è opportuno non far percepire questa fretta ai portenziali acquirenti. Sembra banale ma non lo è affatto. Se i clienti dell’agenzia cui ti sei affidato ti chiedono perché vendi, rispondi pure che hai bisogno di una stanza in più, oppure che vendi perché hai in mente di cambiare città e ricomprare altrove: non dire mai che hai bisogno di liquidità. Il rischio è che il potenziale acquirente si approfitti del contesto per giocare al ribasso! Confida pure le tue esigenze all’agenzia immobiliare – che studierà la strategia a te più consona – ma non rivelarlo mai all’esterno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?