Contratto di locazione a canone concordato

Cos’è il contratto di affitto a canone concordato? Cominciamo con il dire che questa tipologia molto diffusa di contratto di affitto ha una durata di tre anni ed è rinnovabile di ulteriori 2 alle medesime condizioni pattuite. Le stesse condizioni valgono per tutti i Comuni capoluogo di provincia e i Comuni confinanti con le aree metropolitane di Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo e Catania. Il contratto di locazione a canone concordato viene stipulato nel rispetto delle legge numero 431/1998 e in base agli accordi sottoscritti a livello locale dalle organizzazioni sindacali degli inquilini (ad esempio Confedilizia, UPPI, ASPPI) e proprietari ( tra cui ad esempio: Confedilizia, UPPI, ASPPI ).
contratto affitto canone concordato

Forse ti potrebbe interessare anche l’articolo sull’iter e gli step da affrontare per registrare un contratto di affitto.

Questi particolari accordi locali fissano il tipo di contratto (agevolato, transitorio, per universitari), durata, rinnovo, importo canone, aggiornamento ISTAT, clausole di rescissione, oneri accessori, uso e consegna, ripartizione spese, modifiche e migliorie, esigenze particolari del locatore/conduttore, varie ed eventuali. E proprio in base a questi accordi viene definito il canone, che – a questo punto non è libero – ma deve uniformarsi agli accordi sindacali stipulati a livello locale, che fissano anche le altre condizioni contrattuali.

Con questo tipo di contratto si hanno alcuni vantaggi di cui beneficiano entrambi le parti, e – tra tutti – il principale è che l’importo dei canoni di affitto è generalmente più basso rispetto alla media del mercato immobiliare. Ma oltre a questo vantaggio economico, con il contratto di affitto a canone concordato si risparmia anche l’imposta per la registrazione del contratto, che  è pari all’1,4% (anziché 2) l’imponibile IRPEF, che verrà applicata nella percentuale del 66,5% anziché 85% dei contratti di locazione standard. Inoltre, per chi opta per la cedolare secca l’IRPEF sul 730 passa dall’aliquota del 21% al 10%.  Ma oltre a queste agevolazioni , dobbiamo aggiungere che – in base alla legge di Stabilità 2016- il contratto di affitto a canone concordato gode anche di un’ulteriore agevolazioni per i proprietari che affittano con questa modalità, con un ribasso sull’IMU pari al 25%.  Purtroppo però, nelle città in cui gli accordi territoriali stabiliscono canoni non in linea con il mercato attuale, questa tipologia contrattuale incontra ancora poche adesioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?